Strage di Ustica, le parole di Mattarella, Conte, Casellati e Fico. Le Istituzioni si impegneranno per arrivare alla verità

di | 27 Giugno 2020

sergio mattarella“Trovare risposte risolutive, giungere a una loro ricostruzione piena e univoca richiede l’impegno delle istituzioni e l’aperta collaborazione di Paesi alleati con i quali condividiamo comuni valori. Il dovere della ricerca della verità è fondamentale per la Repubblica”. A richiamare l’impegno di politica e istituzioni, in un corale appello per la ricerca di una verità sepolta in fondo al mare ormai da troppo tempo, è il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel giorno del 40esimo anniversario della strage di Ustica. Il 27 giugno del 1980, pochi secondi prima delle 21, il DC-9 Itavia, in volo da Bologna a Palermo, uscii dai radar precipitando nel mare con a bordo 81 persone. Una strage a lungo nascosta, costellata di depistaggi al centro di indagini e svariati processi che, nel corso di decenni, non sono ancora riusciti a far piena luce su quanto realmente accaduto.

Un dolore ancora vivo, per usare le parole del Capo dello Stato, impresso “nella memoria della Repubblica con caratteri che non si potranno cancellare”. Eppure, se da un lato “il quadro delle responsabilità” e le circostanze che provocarono l’immane tragedia tuttora non risulta ancora ricomposto in modo pieno e unitario tuttavia – sottolinea Sergio Mattarella -, molta strada e’ stata percorsa dopo che reticenze e opacità erano state frapposte al bisogno di verità, incomprimibile per una democrazia e uno Stato di diritto”.

Un monito che raccoglie il grido di dolore dei familiari delle vittime che dal quel lontanissimo giugno attendono ancora la desecretazione degli atti che riguardano quella pagina buia della storia del nostro Paese. E a riaccendere le speranze in tal senso, è stato proprio il presidente del Consiglio che ha annunciato oggi una nuova direttiva per allargare il perimetro delle ricerche: “L’impegno del governo e delle istituzioni nella ricerca della verità non deve conoscere soste. La memoria da sola non basta: le vittime e i loro familiari meritano giustizia – scrive su facebook Giuseppe Conte -. Ho confermato al viceministro dell’Interno Vito Crimi l’incarico di seguire i lavori del Comitato consultivo sulle attivita” di versamento all’Archivio centrale dello Stato e agli Archivi di Stato della documentazione in possesso delle amministrazioni dello Stato”.

Il Comitato, costituito in attuazione della direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 22 aprile 2014, e’ composto dai rappresentanti delle amministrazioni interessate ai versamenti documentali, nonché dai rappresentanti delle associazioni dei familiari delle vittime del terrorismo. “Sto lavorando a una nuova direttiva che consenta di allargare il perimetro di queste ricerche – ha annunciato così il premier – e che venga incontro alle esigenze manifestate dalle associazioni dei familiari delle vittime durante i lavori del Comitato nel corso del 2019. Non devono esserci più veli a coprire le pagine più tragiche della nostra storia nazionale”.

Dello stesso avviso è anche la seconda carica dello Stato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, che spiega di aver “fortemente voluto una riunione del Consiglio di Presidenza per la desecretazione degli atti ma purtroppo, nonostante la mia buona volontà, non si è raggiunto un accordo. Mi auguro si arrivi presto ad una definizione necessaria ad accertare i fatti – aggiunge – e contribuire a fare quella chiarezza che l’Italia intera reclama”.

Un “muro di gomma”, tuttavia, che è sempre apparso inscalfibile rendendo di fatto impossibile l’accesso ai documenti di quella tragica notte, ma nel quale oggi potrebbe aprirsi un insperato squarcio. Anche perche’ “dopo quarant’anni non c’e’ ragione di Stato che tenga” afferma, senza giri di parole, il presidente della Camera, intervenendo oggi alla cerimonia a Bologna. Siamo un “Paese grande, una Repubblica forte, ma su questa vicenda dobbiamo fare tutti molto di più” avverte Fico e in quel tutti è un richiamo – come poi spiega incontrando i giornalisti nella Sala Anziani del Comune dopo la cerimonia – alle altre istituzioni del Paese. “A breve ci saranno novità importanti”, ribadisce, perché anche il Senato e il Governo “faranno passi avanti sulla desecretazione degli atti”.

“L’impegno della Camera – sottolinea Fico – è incessante e andremo avanti fino a quando l’ultimo atto non sarà desecretato. In questi due anni ho chiesto tante procedure di interpello”, e “siamo riusciti finalmente ad avere un portale unico delle commissioni d’inchiesta, dove i documenti oggi sono più leggibili e chiari per tutti. Andremo avanti e a breve anche il Senato farà grandi passi avanti”. Ma la richiesta di un accesso ai documenti non è appannaggio delle sole istituzioni o di una parte della politica. (Fonte Italpress)

2 pensieri su “Strage di Ustica, le parole di Mattarella, Conte, Casellati e Fico. Le Istituzioni si impegneranno per arrivare alla verità

  1. Teresa

    A Daria BONFIETTI

    L’immagine spettrale del DC9 – ITAVIA dopo la fatale sera del massacro.

    La sua squisita pazienza con cui per 40 anni ha saputo ascoltare Promesse Illustri.

    La sua bellissima voce, ricca di armonici arpeggi e di malinconica poeticità, che ha emozionato e commosso tutti.

    Il triste cuore dei Parenti contro il genio dell’infamia occulta.

    La storia di lunghi e tetri anni di sfrontate fantasticaggini analitiche.

    Nel concetto sembrano scambiarsi i ruoli: Sentenze penali che sembrano Sentenze civili e Sentenze civili che sembrano Sentenze penali.

    “Se ne faccia una ragione” le scrisse un giorno, qualche tempo fa in queste stesse pagine, un bravissimo scrittore di commenti e non solo.

    Tutto incancellabile nella memoria del popolo eletto d’Italia.

    Con tanti cari saluti e tante speranze.
    Teresa

    Rispondi
  2. Alberto Bin

    A tutte le persone che hanno perso un caro nella strage di Ustica e a tutti gli italiani.

    Purtroppo di parole ne abbiamo sentite tante in questi quarant’anni. Spero che le parole di Mattarella, Casellati e Fico siano seguite dai fatti e che si possa finalmente giungere alla verita’. Soprattutto, e’ necessario che le istituzioni facciano pressione sui nostri “alleati”. Sono loro che quasi certamente detengono le chiavi di quella verita’.

    Cordiali saluti,

    Alberto Bin

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *