Ustica, 40 anni di bugie. Il video integrale della puntata di Atlantide condotta da Andrea Purgatori

di | 25 Giugno 2020

Andrea PurgatoriA tre giorni dal quarantennale della strage di Ustica in cui persero la vita 81 persone, Andrea Purgatori, il giornalista investigativo più identificato con la storia che ancora non ha consegnato ai familiari delle vittime la verità completa su quella tragica sera, ha dedicato, ieri sera, la puntata del programma che conduce su La7 – Atlantide. Storie di Uomini e di Mondi -, al caso Ustica con una lunga diretta dal titolo Ustica, 40 anni di bugie. Nella puntata ci sono le testimonianze di Corrado Augias, Daria Bonfietti, Barbara Dettori, Daniele Osnato, Enzo Dalle Mese, Rosario Priore, Carlo Casarosa, Enrico Pinto, James Appathurai, Gian Piero Benedetti.

[QUI E SOTTO IL VIDEO INTEGRALE]

3 pensieri su “Ustica, 40 anni di bugie. Il video integrale della puntata di Atlantide condotta da Andrea Purgatori

  1. andrea vaglio

    Che il DC9 ITAVIA sia stato abbattuto da un missile non e’ piu’ un mistero.
    Purtroppo io ho il timore che sia stata un’ azione volontaria e cioe’ che il DC9 sia stato abbattuto volontariamente come azione coercitiva nei confronti dell’ ITALIA visti i suoi stretti rapporti con la LIBIA. Non sarebbe la prima volta che degli innocenti ci vanno di mezzo per motivi di potere, politici ed economi. Non credo che se fosse stato un’ errore, per quanto tragico, si sarebbe tenuto tutto nascosto in questo modo cosi’ impenetrabile ed addirittura pericoloso (vedi le “strane morti” accadute a chi era in qualche modo a conoscenza dei fatti).

    Rispondi
    1. Andrea Viarengo

      Certamente l’Italia a quel tempo teneva “il piede in due scarpe”…..era sposata con gli Stati Uniti (da sempre),ma aveva l’amante in Medio Oriente,la Palestina.
      Aveva anche rapporti economici con la Libia e il timore di Andrea Vaglio,circa un azione volontaria per colpire la nostra nazione,può avere un fondo di verità.
      Una cosa è certa ormai,nei cieli del Tirreno quarantanni fa si è svolta una vera e propria guerra aerea e il MIG 23 libico precipitato a Cartelsilano ne é la conferma. Ma é possibile che dai radar dell’AMI non si possa giungere a una verità?
      O si vuole coprire qualche stato alleato?

      Rispondi
    2. Andrea Viarengo

      Certamente l’Italia ha sempre tenuto il piede in due scarpe,a quel tempo,era sposata con gli Stati Uniti,ma aveva l’amante in Medio Oriente (la Palestina)….
      Aveva anche interessi economici con la Libia e il timore di Andrea Vaglio,di un’azione volontaria contro la nostra nazione,può avere un fondo di verità.
      Sicuramente nei cieli del Tirreno quarantanni fa,si è svolta una vera e propria guerra aerea e il MIG 23libico precipitato a Cartesiano ne è la conferma.
      Ma è possibile che dai radar dell’AMI sia stato tutto occultato e cancellato?
      O si vuole proteggere qualche stato alleato?

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *